Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per il Veneto

Agevolazioni sull’IVA nell'Istituzione e disciplina dell’imposta sul valore aggiunto

Decreto Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, art. 10, comma 22, e allegata Tabella A, parte III, n. 127-quaterdecies

Agevolazioni sull'IVA
Sebbene le cessioni e le importazioni di beni mobili ed immobili vincolati si devono ritenere soggette all’aliquota ordinaria del 20%, costituiscono operazioni esenti le prestazioni proprie delle biblioteche, discoteche e simili e quelle inerenti alla visita di musei, gallerie, pinacoteche, monumenti, ville, palazzi, parchi, giardini botanici e zoologici e simili.

Aliquota IVA al 10%
Ai sensi del punto 127-quaterdecies della Tabella A, allegata al citato DPR, sono soggette all'aliquota IVA ridotta del 10% le prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto relativi alla realizzazione degli interventi di recupero di cui all'art. 3 del DPR 6 giugno 2001, n. 380 (prima indicati all'31 della legge 5 agosto 1978, n. 457, esclusi quelli di cui alle lettere a e b del primo comma dello stesso articolo). Il punto 127.13 assoggetta inoltre ad aliquota agevolata del 10% i beni, escluse le materie prime e semilavorate, forniti per la realizzazione dei suddetti interventi.
Scontano l'aliquota agevolata al 10% i seguenti interventi (DPR 380/01, art. 3, lettere c, d, f):
- interventi di restauro e risanamento conservativo, rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso;
- interventi di ristrutturazione edilizia, rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo in parte o in tutto diverso dal precedente;
- interventi di ristrutturazione urbanistica, rivolti a recuperare aree urbane attraverso la sostituzione dell'esistente tessuto urbanistico con altro diverso.

Rimangono esclusi dall'applicazione dell'aliquota IVA ridotta, ai sensi della norma in esame, gli interventi di manutenzione strordinaria e ordinaria.
Dalla norma risulta che le sole opere edilizie rientranti nelle suddette categorie possano beneficiare dell'aliquota IVA del 10%, e non i lavori di restauro di opere d'arte, neppure gli interventi conservativi per le aree ed i manufatti archeologici.  

Approfondisci: parere dell'Agenzia delle Entrate in Circolari: Circolare 34/ 2010

Documento aggiornato al:

31/12/2010