Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per il Veneto

Avviso pubblico - Venezia, 29 settembre 2011

 

Ministero per i beni e le attività culturali 

DIREZIONE REGIONALE PER I BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI DEL VENETO

Questa Amministrazione ha necessità di individuare preliminarmente un operatore economico esterno (anche in forma associata), tramite cottimo ovvero appalto di servizio, per lo svolgimento di prestazioni rientranti nella cat. 21 di cui all’allegato II B al D.Lgs. 163/2006.

Il servizio consisterà nel predisporre un disciplinare di gara-tipo (con annesso schema unico di istanza di partecipazione e di autocertificazione dei requisiti) per l’affidamento di servizi di progettazione di lavori pubblici di importo inferiore a EUR 100.000. Lo schema dell’«INDAGINE DI MERCATO (…) PREVIO AVVISO PUBBLICATO» di cui al d.P.R. 207/2010, art. 267, comma 7, dovrà essere predisposto con chiare note di guida per l’auto-compilazione degli operatori interni, con note critiche di giurisprudenza, secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, nonché con carattere generale ed astratto in modo da poter essere adottato per tutti le casistiche possibili. Inoltre, ed in particolare, dovrà contenere specifiche indicazioni per dare indirizzi fin da subito al progettista che dovrà predisporre il progetto preliminare “avanzato” da porre a base di successiva gara di cui al D.Lgs. 163/2006, art. 53, comma 2, lett. c).

La necessità dell’Amministrazione è di garantirsi fin dall’inizio una più certa correttezza di procedura, al fine di mitigare il rischio di contenziosi che sarebbero penalizzanti sia sul piano degli oneri economici, sia soprattutto su quello della celerità di risultato amministrativo, anche considerate le complesse novità normative introdotte in materia dal D.L. 70/2011, convertito nella L. 106/2011.

I criteri motivazionali per l’individuazione di massima dell’operatore economico più idoneo per l’Amministrazione ineriscono alla capacità tecnico-giuridica in materia, quale desumibile da: 1) necessaria esperienza professionale specifica, strettamente operativa e di lunga durata, nelle procedure di affidamento di appalti pubblici; 2) eventuali pubblicazioni in materia con carattere teorico-pratico, in quanto destinate agli operatori professionali del settore; 3) eventuali esperienze didattiche di formazione professionale in materia, quale docente. L’importanza maggiore sarà data al criterio motivazionale di cui al punto 1).   

Gli operatori economici interessati sono tenuti ad inviare, al seguente indirizzo di posta elettronica dell’Amministrazione: dr-ven@beniculturali.it, entro la giornata del 17 ottobre 2011, la loro manifestazione di interesse, contenente sia idoneo curriculum, sia ipotesi di offerta economica da negoziare.