Segretariato regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo per il Veneto

Verifica dell’interesse culturale

L’articolo 12 prevede che tutti i beni immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli enti pubblici ed alle persone giuridiche private senza fine di lucro, ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, opera di autore non più vivente e la cui esecuzione risalga ad oltre cinquant'anni, se mobili, o ad oltre settanta, se immobili, siano sottoposti alla verifica della sussistenza dell'interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico.
Tale verifica si svolge secondo una procedura che prevede l’invio, da parte dell’ente proprietario, dei dati identificativi e descrittivi dei beni, ai fini della valutazione di merito da parte dei competenti uffici del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. L’inoltro dell’istanza e della relativa documentazione cartacea sono preceduti dall’inserimento dei dati necessari nel sistema informatico del Ministero (www.benitutelati.it), al fine di snellire il procedimento e consentire la formazione di una banca dati nazionale.
La procedura si sviluppa principalmente in tre fasi:

  1. l’ente proprietario contatta il Segretariato regionale e chiede di essere accreditato on-line, sottoscrivendo un accordo che definisce i tempi e il numero dei beni da verificare;
  2. l’ente proprietario inserisce nel sito i dati identificativi e la scheda descrittiva del bene, utilizzando le password assegnate; tale documentazione viene poi stampata ed inviata al Segretariato regionale, alla Soprintendenza archeologia per il Veneto e alla Soprintendenza Belle arti e paesaggio competente per il territorio;
  3. il Segretariato regionale riceve le istruttorie inviate dalle Soprintendenze di settore che esprimono il proprio parere in merito alla sussistenza dell’interesse culturale e sottopone i singoli casi all'esame della Commissione regionale per il patrimonio culturale del Veneto. In caso di esito positivo, la Commissione regionale per il patrimonio culturale del Veneto emana il provvedimento dichiarativo e il Segretariato lo notifica al proprietario. In caso negativo, l’ente proprietario riceve una comunicazione di insussistenza. La Commissione si riunisce periodicamente. 

 Si riporta di seguito una sintesi del procedimento di verifica dell'interesse culturale e dei passaggi relativi:

Fase

Descrizione

Soggetti partecipi

1

Stipula degli accordi e gestione
delle autorizzazioni di accesso al sistema

DIREZIONE GENERALE
SEGRETARIATO REGIONALE
ENTI PROPRIETARI

2

Immissione dei dati e invio degli elenchi

ENTI PROPRIETARI

3

Valutazione dell'interesse ed emanazione dei provvedimenti:

  • fase istruttoria
  • fase decisoria

 

SOPRINTENDENZE

COMMISSIONE REGIONALE